ORTODONZIA CATANIA

riga

INFORMA PAZIENTI

In questa area sono state descritte alcune brevi informazioni riguardanti la ORTODONZIA.
Per una maggiore ed esaustiva informazione sono stati raccolti una serie di collegamenti a documenti in PDF (scaricabili e stampabili) direttamente dai siti delle società scientifiche, onde portare a conoscenza ed educare i pazienti sui diversi temi dell'Odontoiatria.

Per una maggiore ed esaustiva informazione scarica il materiale informatico per il paziente.(direttamente dal sito ufficiale)- S.I.D.O.- Società Italiana Di Ortodonzia.
riga
• Ché cos'è l'ortodonzia.
• Quali sono gli obiettivi dell'ortodonzia.
• Quali sono i fattori ché causano la malocclusione.
• Quali sono i fattori ereditari ché volgono ad una malocclusione.
• Quali sono i fattori ambientali ché volgono ad una malocclusione.
• Come vengono classificate le malocclusioni.
• Malocclusione di classe I.
• Malocclusione di classe II
• Malocclusione di classe III
• Quando bisogna portare il bambino dall'ortodontista.
• Ché cos'è il mascellare.
• Ché cos'è la mandibola.
• I denti come e quando crescono.
• Quando si completa la dentatura permanente.
• E' importante trattare endotondicamente i bambini in età precoce fra 5 e 8 anni.
• Perché intervenire con un trattamento ortodontico nella fase di crescita tra i 9 e 13 anni.
• Quali sono le apparecchiature utilizzate dall'ortodontista per correggere i problemi di crescita ossea.
• Quali sono le apparecchiature ché si utilizzano per muovere i denti.
• Come si ottiene il movimento dei denti.
• Durante il movimento dei denti, dovuto al trattamento si sente male.
• Durante il trattamento ortodontico come cambia l'igiene orale.
riga

• vai inizio pagina

• Ché cos'è l'ortodonzia.

L'Ortodonzia è quella branca dell'Odontoiatria che si occupa di prevenire, diagnosticare, e trattare le anomalie di sviluppo e del malposizionamento dei denti, delle ossa facciali e della muscolatura annessa.

riga

• vai inizio pagina

• Quali sono gli obiettivi dell'ortodonzia.

• L'allineamento corretto dei denti.
• La salute dei denti e del loro apparato di sostegno.
• Consentire una corretta funzione masticatoria, fonetica ed estetica del viso.
• Correggere la malocclusione cioè le alterazioni scheletriche, muscolari e dentarie che non garantiscono il buon funzionamento dell'apparato stomatognatico.
• La stabilità nel tempo dei risultati ottenuti.

riga

• vai inizio pagina

• Quali sono i fattori ché causano la malocclusione.

I Fattori che causano le malocclusioni sono tanti ed associati.
Possono essere:
Fattori Ereditari (trasmessi dal patrimonio genetico dei genitori) oppure conseguenti ad embriopatie da fattori non ereditari come farmaci, sostanze tossiche, radiazioni ed agenti infettivi.
Fattori ambientali.

riga

• vai inizio pagina

• Quali sono i fattori ereditari ché volgono ad una malocclusione.

• Affollamento dentario.
• Diastemi interdentali (spazio tra i singoli denti).
• Denti soprannumerati (denti in più rispetto al numero normale)
• Agenesie (mancanza di alcuni elementi dentali).
• Prognatismo: minore sviluppo della mandibola associato o meno a maggiore sviluppo del mascellare superiore.
• Progenismo: maggiore sviluppo della mandibola associato o meno a minore sviluppo del mascellare superiore.

riga

• vai inizio pagina

• Quali sono i fattori ambientali ché volgono ad una malocclusione.

Abitudini viziate, come :
• succhiamento del pollice, penna e ciuccio oltre i quattro anni.
• Deglutizione infantile (o atipica) con interposizione della lingua tra i denti.
• Respirazione orale per ostruzione delle vie aeree superiore da tonsille edadenoidi ipertrofiche, deviazione del setto nasale o allergie.
• Perdita prematura dei denti permanenti(per carie o traumi)

riga

• vai inizio pagina

• Come vengono classificate le malocclusioni.

Nella fase di crescita delle ossa facciale nei bambini talvolta non sono omogenei e non rispettano i rapporti ideali. A tal proposito si possono definire tre classi di crescita delle ossa del volto, chiamate malocclusioni e vengono cosi classificate:
• Malocclusione di Classe I.
• Malocclusione di Classe II.
• Malocclusione di Classe III.

Per una maggiore ed esaustiva informazione scarica il materiale informatico per il paziente.(direttamente dal sito ufficiale)-S.I.D.O.- Società Italiana Di Ortodonzia.
riga

• vai inizio pagina

• Malocclusione di classe I.

Malocclusione di Classe I.
La malaocclusione di classe I si denota da un corretto rapporto tra mascellare superiore e mandibola. Il problema è quindi esclusivamente di tipo dentale (protrusione, affollamento, rotazione, ecc)

riga

• vai inizio pagina

• Malocclusione di classe II

Malocclusione di Classe II.
La malaocclusiono di Classe II si denota dalla posizione del mascellare superiore ché si trova collocato troppo in avanti o la mandibola troppo indietro o entrambe le condizioni associate.

riga

• vai inizio pagina

• Malocclusione di classe III

Malocclusione di Classe III.
La mandibola è posizionata troppo in avanti o il mascellare superiore troppo indietro o entrambe le condizioni associate.
• Morso aperto.
In occlusione i denti vengono a contatto mentre gli anteriori rimangono distanziati.
• Morso profondo.
In occlusione gli incisivi superiori coprono eccessivamente quelli inferiori.
• Monolaterale.
In occlusione alcuni denti superiori chiudono all'interno dei rispettivi denti inferiori con possibile deviazione della mandibola ed asimmetrica facciale.
• Morso crociato - Bilaterale.
In occlusione alcuni denti superiori chiudono all'interno dei rispettivi denti inferiori senza deviazione della mandibola ed asimmetrica facciale
• Affollamento.
I denti sono sovrapposti in genere perché l'osso di supporto è piccolo o i denti sono larghi. In questi casi è frequente che alcuni denti non trovino lo spazio necessario per erompere in arcata (denti inclusi)

riga

• vai inizio pagina

• Quando bisogna portare il bambino dall'ortodontista.

L'intervento dell'Ortodontista varia a seconda dell'età del bambino e del suo sviluppo.
La dentatura è in continua evoluzione e per questo motivo la valutazione ortodontica deve essere ripetuta ad intervalli periodici. Una crescita irregolare o lenta delle basi ossee può essere modulata se "individuata" precocemente e trattata più efficacemente durante questo periodo della crescita.

Comunque in presenza di una di queste situazioni è consigliabile portare il bambino ad un controllo Ortodontico:
• Precoce o tardiva perdita dei denti.
• Difficoltà nel masticare o nel chiudere la bocca.
• Problemi respiratori.
• Succhiamento del dito o altre abitudini orali viziate.
• Affollamento dentale.
• Mascellari che deviano nella chiusura.
• Difficoltà nel parlare.
• Denti sporgenti.
• trauma masticatorio delle guance.
• Disarmonia facciale.
• Serramento o digrignamento dentale.
• Rumori nell'articolazione della mandibola.

riga

• vai inizio pagina

• Ché cos'è il mascellare.

IL mascellare è un osso fisso che si articola con le ossa nasali e zigomatiche.
Ad esso sono alloggiati i denti dell'arcata superiore.

riga

• vai inizio pagina

• Ché cos'è la mandibola.

La mandibola è un osso mobile che si articola con il cranio attraverso le articolazioni temporo-mandibolari di destra e sinistra.
Ad essa sono alloggiati i denti dell'arcata inferiore.

riga

• vai inizio pagina

• I denti come e quando crescono.

L'eruzione dei denti decidui (che chiamiamo denti da latte) comincia intorno ai 6-8 mesi di età e si completa generalmente entro i 24 mesi.
• I denti decidui sono 20 in tutto, 10 per arcata .
• Sono rare le irregolarità di eruzione invece è possibile la presenza di elementi in sovrannumero oppure l'assenza di un elemento.
• Gli spazi presente fra dente e dente, chiamati diastemi, sono tipici della dentatura da latte e spesso sono indice di una buona forma d'arcata.

Per una maggiore ed esaustiva informazione scarica il materiale informatico per il paziente.(direttamente dal sito ufficiale)-S.I.D.O.- Società Italiana Di Ortodonzia.
riga

• vai inizio pagina

• Quando si completa la dentatura permanente.

• La dentatura permanente si completa intorno ai 12-13 anni.
•Gli ultimi molari (gli ottavi o denti del giudizio) erompono dopo i 18 anni.
• Se lo spazio a disposizione lungo le arcate è sufficiente, i denti hanno la possibilità di allinearsi stabilendo naturalmente rapporti occlusali ideali.

riga

• vai inizio pagina

• E' importante trattare endotondicamente i bambini in età precoce fra 5 e 8 anni.

• Guidare la fase di crescita dell'osso mascellare in special modo in quei casi di profilo di (III classe scheletrica).
• Allargare il palato nei casi di morso crociato anteriore, mono o bilaterale.
• Correggere l'eccessiva sporgenza degli incisivi superiori in modo da ridurre il rischio da traumi degli stessi elementi, in modo ché sé correttamente allineati saranno più protetti dal labbro superiore.
• Eliminare problemi legati ad abitudini viziate (succhiamento del dito, interposizione labiale della lingua), respirazione orale o mista, fonazione non corretta con difficoltà a pronunciare alcune consonanti o fonemi.
• Favorire una corretta eruzione dei denti permanenti.

riga

• vai inizio pagina

• Perché intervenire con un trattamento ortodontico nella fase di crescita tra i 9 e 13 anni.

• Un trattamento ortodontico intorno ai 9-13 anni consente all'ortodontista di valutare la regolarità ed armonicità della crescita scheletrica ed in caso affermativo, rivolge la sua attenzione alla permuta ed alla valutazione dello spazio disponibile per i denti permanenti lungo le arcate, e si pianificano gli interventi per guidarne il percorso.
• Questo è il periodo di massima crescita scheletrica dei bambini ed è il periodo in cui traggono il massimo beneficio del trattamento di correzione di un eventuale crescita disarmonica delle ossa della faccia.
• In questa fase della vita le ossa della faccia e la muscolatura che le riveste crescono con un andamento in avanti e verso il basso quindi determinando l'ingrandimento del viso che assume le dimensioni e l'aspetto da adulto.
• A volte proprio in questa fase si crea disarmonia di crescita tra mascella e mandibola tale da perdere il contatto e la progressione comune che può essere recuperato con un intervento mirato con apparecchiature specifiche, valutate caso per caso che possono migliorare i rapporti scheletrici per riportare il bambino entro schemi di crescita più armoniosi.

riga

• vai inizio pagina

• Quali sono le apparecchiature utilizzate dall'ortodontista per correggere i problemi di crescita ossea.

In ortopedia dento-facciale si utilizzano apparecchiature mobili o fisse che correggono la crescita ossea e che ottengono il maggior effetto terapeutico se vengono utilizzate durante la fase di crescita del bambino.
I dispositivi più comuni sono:
• Gli espansori.
• Le trazioni extraorali.
• I morfocorrettori e gli attivatori.

riga

• vai inizio pagina

• Quali sono le apparecchiature ché si utilizzano per muovere i denti.

Nel trattamento ortodontico si utilizzano apparecchiature fisse, cioè attaccate direttamente sulla superficie dei denti. Tali dispositivi sono capaci di spostare i denti lungo le arcate, riposizionandoli, per ottenere molteplici risultati:
• Una corretta relazione tra arcata superiore e l'arcata inferiore, una regolare funzionalità ed una gradevolezza estetica.
• Terminata la fase attiva del trattamento dopo la rimozione dell'apparecchiatura fissa, al suo posto viene applicato un dispositivo chiamato contenzione, onde permettere di stabilizzare i denti nella nuova posizione, per dare il tempo di adattarsi alla nuova posizione ai tessuti di sostegno del dente - il legamento parodontale, l'osso alveolare, i tessuti muscolari.

riga

• vai inizio pagina

• Come si ottiene il movimento dei denti.

• Quando l'ortodontista decide la necessità di muovere uno o più denti applicherà, con un sistema di attacchi incollati sui denti e dei fili che li collegano tra di loro, un sistema di forze idonee a spostare i denti all'interno della loro sede naturale.
• Le forze applicate al dente vengono sentite dai tessuti che lo circondano. Quindi si attivano dei meccanismi biologici di rimodellamento osseo che consentono lo spostamento del dente e il suo stabile insediamento nella base ossea nella nuova posizione.

riga

• vai inizio pagina

• Durante il movimento dei denti, dovuto al trattamento si sente male.

• Durante la terapia ortodontica mediante apparecchiature fisse non è doloroso, perché il paziente non percepisce il movimento dentario che deve essere lento , continuo e progressivo. Di solito si sente solamente un fastidio iniziale per la presenza degli attacchi che a contatto con le guance e le labbra interferiscono con la lingua. Fastidio questo che dopo alcuni giorni scompare.

riga

• vai inizio pagina

• Durante il trattamento ortodontico come cambia l'igiene orale.

• durante il trattamento ortodontico in presenza dell'apparecchio fisso il paziente dovrà mantenere scrupolosamente l'igiene orale, con attività regolare e normale. Per la presenza dell'apparecchetto l'unico manovra difficoltosa è l'utilizzo del filo interdentale per il resto si può attuare una normale igiene orale.

• vai inizio pagina

riga
Visite Gratuite per la Prevenzione del Cancro Orale ANDI CATANIA dentisti italia centro di parodontologia seguici su facebook seguici su twitter Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS